MAURIZIO BOSSÙ

Curriculum

“L’importanza di un corretto approccio nella gestione dei casi “complessi” in età evolutiva”

La paura dei dentisti e dei loro strumenti accomuna un po’ tutti, grandi e piccoli, ma in particolar modo i bambini. Numerose ricerche dimostrano che nella fase dell’infanzia oltre il 50% dei bambini risultano ansiosi al momento della visita odontoiatrica. Questo comporta molteplici problemi, primo fra tutti la difficoltà di effettuare le cure necessarie e genera inoltre un effetto negativo nel lungo periodo, in quanto i bambini curati contro la loro volontà oggi, avranno probabilmente una avversione verso i medici e le loro terapie in futuro. 

Per offrire una soluzione a questo problema bisogna mettere in campo diverse strategie che ci permettono di far vivere al bambino la visita dall’odontoiatra come un’esperienza positiva:

  1. Comunicazione ed educazione: una comunicazione efficace è fondamentale per comprendere le esigenze del paziente ed educarlo all’igiene orale. Utilizzare un linguaggio chiaro e semplice, ausili visivi e metodi di comunicazione alternativi (come foto, video o linguaggio dei segni) per facilitare la comprensione. Coinvolgere i caregiver o i familiari nel processo educativo per garantire la continuità delle cure.

  2. Apparecchiature odontoiatriche adattate: utilizzare apparecchiature odontoiatriche adattate per accogliere pazienti in età evolutiva 

  3. Tecniche di gestione del comportamento: Impiegare tecniche di gestione del comportamento appropriate per creare un’esperienza dentale positiva e tranquilla. Ciò può comportare strategie di desensibilizzazione, tecniche di distrazione, utilizzo di rinforzi positivi.

  4. Approccio collaborativo: collaborazione con i caregiver del paziente.

E’ fondamentale ricordare che ogni paziente è unico e le sue esigenze possono variare in base alla sua personalità e capacità collaborativa.