Home » pazienti » Faq: Domande Frequenti sull'Endodonzia » Attesa o… sala d’attesa?

Attesa o… sala d’attesa?

Domanda: Il dentista, visitandomi, mi ha segnalato dei problemi. Ma se non mi fa male niente, non è (molto) meglio aspettare e vedere come va?

Sala d'attesa?

                           Saper aspettare è una dote da saggi. Ma non sempre!

Saper aspettare è una dote da saggi. Ma non sempre: per i problemi di denti, per esempio, è davvero sconsigliabile.
Le patologie più comuni come la carie e la malattia parodontale, se non diagnosticate e trattate tempestivamente degenerano nel tempo aumentando il danno (estetico, funzionale e da perdita anatomica) e la difficoltà e i tempi della cura. Ma ci sono anche altre situazioni patologiche meno comuni (riassorbimenti interni o esterni, ad esempio), non accompagnate da particolari fastidi, che risultano curabili solo se intercettate all’inizio! È perciò importante non affidarsi al dolore come unico campanello d’allarme e farsi tenere sotto controllo dal proprio dentista di fiducia, ossia il professionista che saprà consigliare nell’interesse del paziente.

La diagnosi è il momento più importante! Un controllo eseguito con i moderni sistemi di illuminazione e ingrandimento ottico presso i dentisti esperti in Endodonzia permette di documentare minime lesioni iniziali dei denti naturali. Ciò è fondamentale per mettere in atto la terapia precoce, rispettosa dell’anatomia e poco invasiva e costosa, rispetto a protesizzazioni tardive estese e innaturali.

Vuoi approfondire l’argomento? Chiedi al Dentista-Endodontista della tua città più vicino a te!

Cliccando il collegamento sopra riportato si entrerà nel motore di ricerca di tutti i dentisti Endodontisti associati alla Società Italiana di Endodonzia (SIE).

This entry was posted in Faq: Domande Frequenti sull'Endodonzia. Bookmark the permalink.

Comments are closed.